Beirut Cinema – The “Mafia Film Festival” at the IIC

One of the most famous scenes of the film "Gomorra"

Do you like Italian cinema? Are you interested in mafia? Thus this December you cannot miss the Italian Cultural Institute “Mafia” Festival, Cinem@iic (All films are subtitled in English or French).

Here is the program (strictly in Italian). Screening at the IIC in rue de Rome, Hamra, every Thursday at 7 pm.

Giovedi’ 2 dicembre ore 19: “I cento passi”. (2000) di M. T. Giordana. 114′ (English subtitles)

Giovedi’ 9 dicembre ore 19 : “Confessione di un commissario di polizia al Procuratore della Repubblica”. (1971) di D. Damiani. 105′ (French subtitles).

Giovedi’ 16 dicembre ore 19 : “Gomorra”. (2008) di M. Garrone. 135′ (English subtitles)

Giovedi’ 23 dicembre ore 19 : “Alla luce del sole”. (2005) di R. Faenza. 90′ (English subtitles).

« I cento passi ». Cento sono i passi che separano la casa di Peppino Impastato, protagonista del film, da quella di Tano: il mafioso del paese. A partire da una storia vera, più che un tradizionale film sulla mafia, I cento passi racconta la vita di un eroe solitario e della sua personale lotta alla mafia e al contesto sociale in cui vive. È questo contesto infatti che la mafia genera e da cui poi inevitabilmente dipende.

« Confessione di un commissario di polizia al procuratore della Repubblica ». Damiani ha esplorato l’universo della mafia in molti suoi film: alcuni tratti dai libri di L. Sciascia, altri su soggetti originali, ed è diventato famoso con una serie televisiva sempre dedicata a questo tema (La piovra, 1984). Nella Confessione di un commissario di polizia al procuratore della Repubblica il regista mette a confronto due uomini di legge, il commissario e il procuratore, che lottano entrambi contro un nemico comune, i rapporti della mafia con la politica, ma con modi e strumenti molto differenti.

« Gomorra ». Tratto dall’omonimo libro di R. Saviano, questo film esplora l’universo dell’organizzazione mafiosa tipica della zona di Napoli : la Camorra. Superbamente girato a Scampia, un quartiere popolare veramente sotto il controllo della camorra, il film intreccia cinque storie che riescono a attraversare i confini del film di genere con grande originalità.

« Alla luce del sole ». Film sull’impegno civile di Don Dino Puglisi, un prete del quartiere Brancaccio a Palermo, che non riconosceva l’autorità della mafia e lavorava per allontanare i ragazzi di strada dall’influenza di questa organizzazione criminale parallela allo stato. Considerato « individuo pericoloso » Don Puglisi ha pagato con la vita il suo impegno nella società.