Beirut, tutto pronto per il festival europeo del cinema

Una rassegna di 33 film prodotti nell’Unione europea, un concorso tra 20 cortometraggi realizzati da studenti delle scuole audiovisive libanesi, una serie di incontri e dibattiti con registi europei: questo il programma della 18/a edizione del Festival del film europeo, promosso in Libano dalla Ue, che si terra’ dal 24 al 4 dicembre.

”Piu’ che un festival, e ‘ un avvenimento culturale con una serie di attivita’ che mira a promuovere il cinema europeo e a testimoniare le diversita’ che esistono nel nostro continente”, ha detto nella conferenza stampa di presentazione Angelina Eichhorst, capo della delegazione della Ue in Libano.

La rassegna, a cui partecipera’ anche il regista italiano Mario Martone con il film ‘Noi credevamo’, prevede proiezioni, oltre che a Beirut, in diverse altre citta’ libanesi, in particolare Tripoli, Jounieh, Sidone e Zahle.

La Eichhorst ha detto che, per l’undicesimo anno consecutivo, tre premi saranno offerti ai giovani libanesi realizzatori dei migliori cortometraggi, a ciascuno dei quali verra’ offerta l’opportunita’ di prendere parte a tre importanti festival di cortometraggi in Europa: il festival di Angers, in Francia, l’Oberhausen International Short Film Festival in Germania e la rassegna di Cracovia, in Polonia.

Incontri sono previsti con alcuni dei cineasti protagonisti del festival. Tra di loro, Wieslaw Saniewski e Grazyna Molska, rispettivamente regista e produttrice del film polacco ‘The Winner’, che aprira’ la rassegna, E Rania Attieh e Daniel Garcia, registi del film libanese ‘Ok, enough, goodbye’. Un evento speciale sara’ la proiezione del film muto ‘Nosferatu’, realizzato nel 1921, e considerato un capolavoro del cinema espressionista tedesco, che sara’ presentato con l’accompagnamento musicale dal vivo del gruppo ‘More dust under the carpet’.

Tra i lungometraggi e’ prevista la proiezione anche di due film per bambini, con ingresso gratuito per i piccoli provenienti da famiglie economicamente svantaggiate. Il Festival del film europeo e’ organizzato dalla delegazione della Ue in Libano in collaborazione con le ambasciate e gli istituti culturali dei Paesi membri dell’Unione. (Scritto da Alberto Zanconato per ANSAMed del 17 novembre 2011).