Baalbek, morti in scontri tra clan della droga

Un uomo e un ragazzino sono stati uccisi e una persona è rimasta ferita ieri in seguito a una faida tra famiglie a Baalbek, nella valle orientale della Beqaa libanese.

Fonti della sicurezza hanno riferito al quotidiano libanese di lingua inglese The Daily Star che la violenza è iniziata quando alcuni membri del clan Jaafar hanno provato a rapire senza successo un membro del clan Rifai nel quartiere Shawarne della città.

Gli Jaafar controllano gran parte delle coltivazioni di hashish e cocaina nella Beqaa settentrionale e sono di fatto protetti dal movimento sciita Hezbollah, che ha la sua roccaforte proprio nella provincia di Baalbek.

Secondo le stesse fonti, Ali Rajeh Jaafar – di cui non è stata resa nota l’età – è rimasto ucciso durante lo scontro a fuoco e Firas Naji, un bambino di 8 anni del campo palestinese di Jalil, è stato colpito da una pallottola vagante.

Sul posto sono poi sopraggiunte truppe dell’esercito che hanno perquisito numerose abitazioni e trattenuto un numero non precisato di persone.

Secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa nazionale (NNA)  l’obiettivo dell’attentato era un membro della famiglia Saleh.