Il solito giretto… anche per gli osservatori Onu

Il solito giretto del regime: come capita ai giornalisti accreditati, anche i sei osservatori Onu da poco giunti in Siria sono stati portati il 17 aprile scorso a Daraa. Scortati da un evidente apparato “di sicurezza”. E diligentemente seguiti da una troupe della tv di Stato (visibile nel video qui in basso).

Il tour prevede una visita alla sede del comune, “distrutta dai vandali” un anno fa. Molti abitanti di Daraa sostengono che a dare fuoco agli interni dell’edificio pubblico sono stati gli shabbiha, gli irregolari del regime.

Un’altra tappa è poi la visita al governatore, che ti fa sedere sul divanetto sulla sinistra della sua scrivania e ti ripete quanto sono cattivi e vigliacchi questi terroristi, vandali, sabotatori. Infine, un giretto al mercato per mostrare che “la vita è tornata normale” e poi tutti via, verso Damasco.

Qui sotto un video amatoriale che mostra la fermata del convoglio degli osservatori di fronte la sede del comune a Daraa. Da notare le macchine con i servizi di sicurezza e il camion pieno di militari che “scorta” gli osservatori Onu. I terroristi sono sempre in agguato! Allah Suriya Bashar w Bass!