Siria, tutto è cominciato a Daraa…

Tra le prime città a sollevarsi un anno fa contro il regime tirannico del clan degli al-Asad c’è stata Daraa, città del sud della Siria, a ridosso del confine con la Giordania.

Secondo Reinoud Leenders – ricercatore all’Università di Amsterdam – è stata proprio la posizione “periferica” di Daraa, con le sue reti sociali a livello di clan e gli scambi frontalieri, a generare visioni non convenzionali e a mettere in discussione la subordinazione al partito Baath al potere.

E proprio queste reti sociali hanno innescato un senso di solidarietà molto forte e creato un terreno fertile su cui stimolare la partecipazione necessaria alla mobilitazione collettiva.

Da questi spunti partirà la conferenza che Leenders terrà all’Università americana di Beirut dal titolo An Anatomy of the Onset of Syria’s Popular Uprising. L’appuntamento è per mercoledì 28 marzo alle 18:00 presso l’Auditorium B1 nella College Hall.